PETROLIO IN SIRIA. Una miniera succosa che collega Rothschild, Cheney & Murdoch!

Petrolio

Il The Times di sabato ha pubblicato un articolo sugli interessi petroliferi di ISIL , Siria e Turchia. In nessun punto dell’articolo si informano i lettori, che il proprietario del giornale, Rupert Murdoch, ha tutto l’interesse su questo tema essendo azionista di Genie Energy, una società israeliana a cui sono concessi i diritti del petrolio in Siria da parte del governo israeliano. Dick Cheney e Lord Rothschild sono anche loro soci.

 Da nessuna parte sono così.
Questa non è una teoria della cospirazione. Questa è una cospirazione.

Che Israele conceda i diritti del petrolio dentro la Siria è, naturalmente, un esempio lampante del disprezzo per il diritto internazionale, ma è poi la base su cui funziona normalmente lo stato di Israele. Naturalmente il valore delle azioni del Genie Energy sarebbero sostanzialmente potenziate con l’installazione di un regime fantoccio neocon a Damasco, che può corrompere per sottoscrivere la concessione petrolifera concessa da Israele.

Il disprezzo per il diritto internazionale è stata la più importante caratteristica del neoconservatorismo, e la necessità di rispettare il diritto internazionale è il tema ricorrente di questo blog.

Non ho mai pensato che il governo del Regno Unito avrebbe ritirato il suo sostegno al concetto del diritto internazionale esplicitamente, come ha fatto Cameron  rimuovendo l’obbligo di rispettare il diritto internazionale nel codice ministeriale.
Questo è veramente ignobile , e vergognoso.Ma per tornare agli interessi petroliferi di Murdoch in Siriami sembra un paradosso sapere che,quando Fox News, Sky News, The Times, The Sun e altri numerosi altri media di Murdoch, Battono il tamburo per l’azione militare occidentale in Siria, non vi sia alcun obbligo di informazione per il consumatore su questa propaganda di parte, e sentirsi dire che stanno spingendo una politica in linea con gli interessi finanziari del suo proprietarioAnche coloro che cercano attivamente informazioni sulla proprietà dei media, non hanno a disposizione un registro dei loro interessi, il fatto che questo non esista è altrettanto grave.

 Si tratta di una meravigliosa ironia che c'è un registro degli interessi dei membri del consiglio della Independent Press Standards Organisation, ma nessun registro degli interessi dei proprietari dei media!

Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook


Questo non è un caso. L’Inchiesta Leveson ha avuto prove e interrogato un testimone – Rowan Cruftdella University of Stirling – che ha suggerito che l’interesse finanziario di un proprietario, in un articolo, dovrebbe essere rivelata. Robert Jay QC , il consiglio ha chiesto:

Robert Jay

Questa è sulla sua pagina 8, la nostra pagina 00885. Lei dice:
“Prima di tutto, il codice potrebbe fare di più per richiedere a proprietari, editori e giornalisti di dichiarare i loro propri interessi politici e finanziari , e a dichiarare questo ai lettori e agli editori.
Non credo che il codice faccia di tutto per richiedere ai proprietari, editori e giornalisti a farlo.

Dr Rowan Cruft
Giusto.

 Robert Jay QC prosegue, prima di suggerire alcun obbligo di dichiarare gli interessi finanziari, dovrebbe applicarsi solo ai giornalisti specificatamente finanziari. Poi si è mosso rapidamente per discutere le implicazioni della dichiarazione degli interessi politici dei proprietari. Robert Jay QC è un uomo intelligente ed è riuscito ad evitare qualsiasi discussione sugli interessi finanziari di alcun proprietario di sorta. Poco dopo la conclusione dell’inchiesta, è stato promosso dal governo a High Court Judge [giudice dell’Alta Corte].

L’Inchiesta Leveson ha totalmente ignorato il vero marciume dei media in Gran Bretagna – la massiccia concentrazione della proprietà dei media e la sua sudditanza ad altri interessi corporativiIl codice di condotta riveduto, che è stato il suo risultato, non contiene alcun riferimento agli interessi dei proprietari che “anche nel contesto molto limitato di sottoscrivere titoli e azioni. Un giornalista finanziario ha il dovere di dichiarare qualsiasi interesse che lui o la sua famiglia hanno in una società su cui lui scrive, ma non ha è il dovere di dichiarare alcun interesse del suo titolare – la persona che lo sta pagando per scrivere sul giornale.

Se pensate che questo sia solo un incidente di percorso, siete estremamente ingenui. E’ solo un piccolo assaggio, di un aspetto, della straordinaria fitta rete di corruzione delle élite nel Regno Unito 

LEGGI ANCHE:

Desideri ricevere i nostri articoli tramite Email? ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Desideri inviarci una segnalazione? CONTATTACI

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Aggiungi un commento con il tuo profilo Facebook,Google+ o anonimo

Loading Facebook Comments ...

5 thoughts on “PETROLIO IN SIRIA. Una miniera succosa che collega Rothschild, Cheney & Murdoch!

  1. Pingback: Petrolio in Siria e gli interessi di Rothschild,Cheney & Murdoch

  2. Pingback: Petrolio in Siria e gli interessi di Rothschild,Cheney & Murdoch |

  3. Pingback: Petrolio in Siria e gli interessi di Rothschild,Cheney & Murdoch | Generale Russo Venaus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Navigando questo sito accetti l'uso di Cookies e altri sistemi funzionali all'analisi del traffico e al funzionamento del sito web, puoi negare il consenso tramite le impostazioni del tuo browser. LEGGI DI PIU'
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci tramite il nostro modulo di contatto diretto