Come scoprire se qualcuno ti sta spiando lo smartphone

come scoprire se qualcuno ti sta spiando lo smartphone

Grazie ad alcuni codici da digitare sullo schermo del proprio smartphone è possibile scoprire se qualche malintenzionato sta spiando le nostre chiamate.

Tratto da: Libero Tecnologia

Come scoprire se qualcuno ci sta spiando lo smartphone

Il nuovo obiettivo degli hacker è riuscire a rubare i dati degli utenti tramite i loro smartphone. Il numero di telefoni intelligenti sparsi per tutto il mondo supera tranquillamente il miliardo e raccolgono i dati personali di milioni di persone. Se da un lato gli smartphone ci hanno semplificato la vita, dall’altro l’hanno resa meno sicura. Scaricando un’applicazione maligna dal Google Play Store o visitando un sito web non protetto, gli hacker possono infiltrarsi all’interno dello smartphone e controllare le nostre chiamate.

Ma non sono solo gli hacker a essere interessati alle telefonate: anche fidanzati o fidanzate gelose potrebbero utilizzare qualche trucco per spiare il telefono. Come ad esempio la deviazione chiamate che permette di “dirottare” una chiamata in entrata su un altro numero di telefono senza che noi ce ne accorgiamo. Ma grazie ad alcuni codici che possiamo digitare sullo schermo dello smartphone è possibile scoprire se qualcuno sta spiando lo smartphone. Sfoglia la gallery per scoprire quali codici utilizzare.

Il primo codice da utilizzare per capire se qualcuno ha attivato la deviazione sulle chiamate e sugli SMS ricevuti è il *#21#. Sullo schermo appariranno alcune informazioni riguardanti le deviazioni attive sullo smartphone: nel caso in cui qualcuno abbia manomesso il device, grazie a questo codice si potrà risalire alla sua identità. Si potrà scoprire che in realtà è opera del proprio ragazzo o della propria ragazza. Un consiglio per gli anziani: non prestate il vostro telefono a degli sconosciuti. Potrebbero attivare la deviazione e ottenere facilmente informazioni su dove vivete e sulle vostre abitudini quotidiane.

Grazie al codice *#62# si scoprirà chi sta cercando di deviare le vostre chiamate per spiare lo smartphone. Una volta ottenuto scoperto il numero di telefono, si potrà andare direttamente alla Polizia ed effettuare la denuncia.

Se dopo aver digitato i codici precedenti si viene a scoprire che qualcuno sta deviando le chiamate e i messaggi e spiando il nostro smartphone, sarà possibile disattivare immediatamente la deviazione chiamate digitando il codice ##002#. La disattivazione sarà istantanea e si tornerà ad avere il pieno controllo del proprio device.

Loading...

Con il codice *#06# sarà possibile risalire al codice IMEI del proprio smartphone. Ogni device ne ha uno differente e questo permette di ritrovare lo smartphone nel caso in cui qualche ladro ve lo ha rubato, anche se cambierà la SIM. Sporgendo denuncia alla Polizia e fornendo loro il codice IMEI potranno far partire le ricerche per individuarlo e trovare il ladro.

*#*#4636#*#* solo per smartphone Android

Grazie a un codice speciale è possibile scoprire se qualcuno sta utilizzando il nostro smartphone Android. Digitando il numero *#*#4636#*#* si accederà a una sezione del device che permetterà di scoprire le Statistiche di Utilizzo. All’interno di questa sezione sono registrati tutti i dati di utilizzo dello smartphone: il programma utilizzato: il giorno di utilizzo e il tempo. Se notiamo qualche dato strano, vorrà dire che qualcuno sta spiando il nostro smartphone.

I consigli su come difendersi dagli hacker

Pe poter difendere il proprio smartphone dall’attacco di pirati informatici e hacker è necessario seguire alcune semplici regole. Primo, non bisogna mai dare il device a persone che non si conoscono, anche solo per pochissimi secondi. Non si sa cosa potrebbero fare. Secondo, bisogna installare un antivirus: sul Google Play Store e sull’App Store ce ne sono disponibili moltissimi anche gratuitamente e permettono di aumentare le difese del telefonino.

Come proteggere la propria vita dalle spie

Se non vogliamo avere problemi con cybercriminali e spie è necessario utilizzare un’applicazione di messaggistica istantanea sicura: per questo motivo installate Signal, al momento il miglior servizio per chattare con i propri amici. Inoltre, non scaricate applicazioni che non siano presenti nel Google Play Store o nell’App Store. Google e Apple difficilmente accettano applicazione che possano mettere in pericolo i vostri device.

Fonte: Libero Tecnologia

Loading...

Condividi su


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

5 thoughts on “George Soros aveva avvertito: Facebook e Google saranno distrutti

  1. E terribile, ma molto probabile. Saranno le persone a chiederlo. Già ora le persone chiedono “più” sicurezza, a risposta di campagne terroristiche di un populismo rampante. Nei comuni attorno a me (Toscana) i sindaci si vantano dell’installazione di centinaia di videocamere, ed esortano i cittadini a diventare delatori di infrazioni,commesse da altri cittadini, piccole cose, spazzatura, parcheggi, ecc. Non rendendosi conto che tutto questo ha un costo economico e sociale. Il mondo si fa sempre più piccolo e chiuso, la differenza che in natura rappresenta un’opportunità. I nostri “politici” ci esortano a regolare, a controllare le “differenze” creando un sistema chiuso, dove ogni differenza o diversità, viene vista come minaccia. Ma il controllo della differenza della diversità, nella nostra società occidentale sarà la nostra fine. Chiuderemo sempre più le porte ai nostri sogni, al nostro bisogno di esplorare, conoscere, interagendo con la nostra empatia. Siamo solo il 20% dell’umanità sul pianeta e stiamo chiudendo le nostre vite, in un microcosmo piatto, sicuro e annoiato. La vita quella vera, la viviamo in rete, alla tv, nelle sale cinematografiche. Esorterei tutti a rileggere il libro di George Orwell 1984, sembrerebbe il manuale a cui si ispirano i governanti e i loro burocrati. Oggi non sono più “opinioni”, dove ognuno ha la sua. La tecnologia per meraviglioso motore dell’intelligenza umana, usata da burocrati e rampanti politici, può sortire l’effetto contrario, invece di offrire più opportunità all’uomo, per renderlo più libero. Innescherà una nuova barbarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca quì
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci su [email protected] LEGGI DI PIU'