Polizia esasperata: “Ci state togliendo il sangue,noi preferiamo darlo ai cittadini”

Polizia

«Ci state togliendo il sangue, allora noi preferiamo donarlo ai cittadini»

Adesso siamo arrivati davvero alla frutta… Non siamo più in grado di accumulare per sopportare ancora…Ormai c’è sono la reagire e dire basta!!! E c’è chi lo ha fatto!
Polizia, vigili del fuoco, guardia forestale e polizia penitenziale hanno davvero raggiunto il limite della sopportazione… Non ci stanno più e adesso scendono in piazza per protestare e “minacciare” il governo…
Per non dire peggio. Il governo continua a chiedere loro il sangue, con nuovi tagli pari a un miliardo e mezzo di euro per via della conferma del turnover al 55%: un solo poliziotto assunto ogni due pensionati. Per questo, il fronte dei sindacati autonomi, scenderà in piazza il 27 agosto a Roma per un’iniziativa clamorosa e inconsueta: «Centinaia e centinaia di poliziotti, penitenziari, forestali e vigili del fuoco si ritroveranno in piazza del Popolo, assieme a un’autoemoteca che effettuerà prelievi di sangue», spiegano i segretari generali Gianni Tonelli (Sap), Donato Capece (Sappe), Marco Moroni (Sapaf) e Antonio Brizzi (Conapo). A sostegno dell’iniziativa anche l’Advps, l’Associazione Donatori e Volontari Personale Polizia, la Fondazione Franco Sensi con la presidentessa Rosella Sensi e il comico Enzo Salvi in qualità di testimonial. Presente pure la banda musicale dell’Anpee, l’Associazione Nazionale Polizia Penitenziaria.
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

  «Ci state togliendo il sangue, allora noi preferiamo donarlo ai cittadini» questa è la lamentela della polizia, e come lei si associano guardia forestale, vigili del fuoco e altri ancora… e proprio queste parole semplici e concise, CHE NON LASCIANO SPAZIO A INCOMPRENSIONI, saranno le parole dello slogan durante la manifestazione proclamata per il 27 Agosto…DI CUI OVVIAMENTE LA TV NON PARLA MINIMAMENTE!! L’annuncio della manifestazione ha scatenato la reazione del responsabile sicurezza del Pd, Emanuele Fiano, che ha rivendicato la sua sensibilità nei confronti del comparto sicurezza, ricordando come l’attuale governo abbia investito nel 2014 500 milioni di euro per le forze di polizia, a fronte di 4 miliardi di tagli avvenuti dal 2008 al 2014. Cifre che i sindacati autonomi contestano. Sap, Sappe, Sapaf e Conapo snocciolano i punti delle loro rivendicazioni: «Contratto fermo da 5 anni; tetto stipendiale imposto da 4 anni nonostante le promesse, anche recenti, dei ministri Alfano e Pinotti; mancato riordino delle carriere che sarebbe necessario per rendere più efficiente tutto il sistema; nessun avvio della previdenza complementare che trasformerà i poliziotti pensionati di domani nei nuovi poveri». Se questo è il quadro della situazione, il governo ha ben poco da stare tranquillo…Anzi dovrebbe davvero iniziare a preoccuparsi perchè se la nostra “mandria di politicanti corrotti” si ritroverà senza chi li difende…saranno problemi seri…E perdonatemi la frase: ma in questo modo, sarà più facile per i cittadino, agire e vendicarsi dei tanti soprusi subiti da una classe politica incompetente…. Il poliziotto, così come altri enti di sicurezza, difendono la vita di questi corrotti al prezzo di poche centinaia di €… questo vale il loro sangue?! Questo vale il loro sacrificio!? Mentre invece, il politico (degno di scorta) corrotto e colluso con la mafia… può avere frotte di soldi da sfamare una città intera…. QUESTA E’ LA GIUSTIZIA DELL ‘ITALIA…che assicura il pane a chi non ha bisogno mentre da lo zuccherino a chi può essergli utile, solo per avere le sue grazie…. ma senza svenarsi troppo!

Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

: libri

I libri relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Cosa ne pensi di questo articolo? Esprimi il tuo voto da 1 a 5 cliccando sulle stelle e condividi il contenuto in modo che anche i tuoi amici possano leggere queste informazioni. Grazie!
Vota questo post


Condividi su


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...