Moscovici:La Francia può sforare il 3%,l’Italia nemmeno il 2%.Italexit subito

moscovici manovra italia deficit
Pierre Moscovici”La francia può sforare il 3% ma temporaneamente”. Mentre ha bocciato due manovre all’ Italia che proponevano uno sforamento del rapporto deficit/pil del 2,4 e successivamente del 2,04%.

Due pesi e due misure in questa “Europa dei popoli”, come la definiscono molti burocrati filo europeisti.
Il commissario Ue agli Affari economici Pierre Moscovici, dopo essersi opposto alla prima manovra italiana che prevedeva uno sforamento del rapporto deficit/pil del 2,4%, ha nuovamente bocciato a proposta del nostro governo di abbassare dal 2,4% al 2,04 tale rapporto:
È un passo nella giusta direzione, ma voglio dire che non ci siamo ancora. Ci sono ancora passi da fare, forse da entrambe le parti” ha dichiarato.

Dall’ altra parte invece c’è una richiesta della Francia di Macron di poter sforare il 3% nel rapporto deficit/pil francese, per poter adottare misure espansive che permetterebbero di sedare la rivolta dei gilet gialli e quindi di rispettare gli impegni presi dal governo francese con loro.
Questa è stata la risposta di Moscovici a tale richiesta:
Il superamento della soglia del 3% del rapporto deficit/Pil nel 2019 per la Francia può essere concepibile in via limitata, temporanea e straordinaria“.

In pratica viene permesso al governo francese di sforare una soglia ben superiore a quella prevista dalla manovra italiana per far in modo che si rispettino gli impegni presi col popolo francese, ma viene impedito nello stesso tempo all’ Italia di sforare una soglia molto minore per lo stesso identico motivo: permettere al governo italiano di rispettare gli impegni presi col suo popolo (quota 100, reddito di cittadinanza, flat tax ecc).

Rapporto deficit/pil francese: Di Maio e Salvini attaccano Moscovici

Se le regole valgono per tutti, valgono anche per Macron che ha fatto promesse che sono nel nostro programma di governo“, ha dichiarato Di Maio a riguardo.

C’è qualche commissario europeo che dice che la Francia può sforare il 3% e noi..Non si capisce perché sull’Italia c’è la lente di ingrandimento sullo zero virgola e altri possono sforare molto di più“,  ha commentato Salvini.

Una situazione molto imbarazzante per Moscovici che da un lato boccia una richiesta dell’ Italia, e dall’ altro promuove, da buon francese, una richiesta della SUA Francia molto più dispendiosa per i conti pubblici. E’ chiaro ed evidente che questo del commissario europeo è più un atteggiamento ostruzionista verso il nostro governo,che, come si vuol far intendere, un atteggiamento protettivo per i conti pubblici italiani.

La risposta di Moscovici

Il commissario europeo risponde così alle accuse mosse dal governo italiano:
Paragonare l’ Italia alla Francia è sbagliato perchè “la Commissione europea sorveglia il debito italiano da tanti anni, non l’abbiamo mai fatto con la Francia“.
In pratica ci sta dicendo che noi siamo dei sorvegliati speciali, e non ci possiamo muovere, al contrario dei francesi che si sono sempre comportati bene in Europa.
Eppure nei dieci anni precedenti i governi di Parigi avevano collezionato deficit eccessivi con un picco addirittura oltre il 7% del Pil….

Loading...

Probabile procedura di infrazione per l’ Italia

A questo punto l’applicazione di una eventuale procedura di infrazione all’Italia, con la Francia che si trova ad avere uno sforamento dell’1% superiore a quello italiano, se va bene, diventa una questione di dignità nazionale da un lato, e personale dei vari Conte, Moavero e Mattarella. Ci chiediamo se il Ministro degli Esteri ed il Presidente della Repubblica tollereranno questa umiliazione nazionale.

Il nostro governo ha si messo nella manovra finanziaria tutti i provvedimenti promessi in campagna elettorale, ma a nostro avviso si è mostrato fin troppo timido in Europa per farli rispettare. Nonostante abbia battuto i pugni sul tavolo più dei governi precedenti non ha ottenuto ciò che voleva, con questa europa di burocrati disconnessi dalla realtà ci serve altro….

In caso di procedura di infrazione, per evitare una ulteriore umiliazione al nostro paese, presidente del Consiglio Conte dovrebbe seduta stante , per decreto emergenziale, applicare l’articolo 50 del TFEU, successivamente da ratificarsi da parte delle Camere, e chiedere immediatamente l’uscita dall’Unione Europea: Italexit.
Se dovesse prendere una decisione del genere, tu lo appoggeresti?

Moscovici: libri

I libri relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Condividi su


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

9 thoughts on “Marcello Foa: Ecco come entro 5 anni ci porteranno via tutto, casa e risparmi

  1. Appoggierei pienamente per l’uscita dall’Europa qualora l’Italia avesse una procedura d’infrazione per una questione di dignità nazionale.

  2. Per rimanere nell’euro , il governo tedesco deve necessariamente cambiare indirizzo politico nei confronti dei paesi membri. Le alleanze sonò sopratutto politiche e nel caso specifico un,unione che tenga sempre presente l’esigenze degli alleati. Partecipazione’ collaborazione ed infine la moneta unica. Un saluto

  3. Un Grande STATISTA e che quel DI PIETRO per la sua bramasia con. Accordi americani fece di tutto per eliminarlo.Sfruttando il momento si fece eleggere e,addirittura fondo’ un partito politico. Dovrebbe dirci ancora della mercedes e dei 100 milioni di lit. incassati all,epoca e quanti appartamenti sono in suo possesso e il figlio lo mise in Regione ma indagato ma la Procura nulla fece. CANI E CANI NON SI MANGIANO ed ha inguaiati noi ITALIANI con l,allontanamento di CRAXI perché purtroppo i P.M quando sbagliano non vanno in galera ma promossi vedi il P.M di TORTORA. Abbiamo una legge che dovrebbe far pagare i loro errori ma qualcuno di voi ha mai visto eseguire???

  4. tutto ciò che è esposto in questo blog rispecchia la pura verità , personalmente non solo la condivido ma la grido ai quattro venti ormai da troppo tempo , prima ancora che fosse costituita questa schifo di europa che altro no è che la dimostrazione di quella che è la missione del globalismo e del liberismo capitalista e cioè la riduzione in schiavitù dei popoli e la creazione di un’egemonia finanziaria a controllo del mondo intero . alla globalizzazione danno parecchio fastidio nazioni come Grecia ed Italia perchè la loro immensa cultura e storia che sta alla base della loro evoluzione le porta ad essere termini di paragone a livello di democrazia e scientifico e proprio a livello industriale e qualitativo dei beni prodotti ciò era la spina nel fianco di produzioni fatte dalle multinazionali che , proprio per definizione , non possono essere paragonate qualitativamente ; ecco perché si doveva a tutti i costi distruggere la produzione italiana e ciò é stato fatto anche con la collaborazione di governi servi venduti al capitale .

  5. Fu l’unico Statista di allora a non sbagliare che, il futuro dell’Italia nell’Unione Europea era l’inferno.
    L’Europa ci considera come noi consideriamo i Paesi del Nord Africa.

  6. Vorrei che il Governo italiano dica a chiare lettere che è la Francia che deve uscire dall’UE perché essa fa di tutto per farsi odiare da tutti gli altri stati europei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca quì
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci su [email protected] LEGGI DI PIU'