E’ morto il cardinale Ersilio Tonini, aveva 99 anni

Era il cardinale e parroco più anziano d’Italia. Dopo le sue dimissioni da vescovo nel 1990 decise di vivere all’Opera Santa Teresa di Ravenna, dove ieri è morto. Non era affetto da nessuna malattia. Celebre per il suo racconto dei dieci comandamenti in tv al fianco di Enzo Biagi.

Morto il cardinale Ersilio Tonini, aveva 99 anni.

La morte di Ersilio Tonini è stata annunciata questa mattina da monsignor Lorenzo Ghizzoni, durante una serafica messa all’alba, celebrata sulla spiaggia di Milano Marittima. Se ne va il parroco più anziano d’Italia, che aveva da poco compiuto 99 anni. Non solo il più anziano, ma certamente uno dei più celebri e incisivi cardinali; noto ai telespettatori del piccolo schermo per quell’attitudine al giornalismo dimostrata per tutta la vita, in particolare quando, dopo aver consegnato le proprio dimissioni da vescovo, collaborò in televisione con Enzo Biagi per un programma rimasto storico “I dieci comandamenti all’italiana”. Morto senza soffrire, come dice appunto monsignor Ghizzoni, affermando anche che negli ultimi giorni non si muoveva più, tuttavia non a causa di una malattia.

Il suo stupore per la vita è stato filo conduttore di un’ intera esistenza, per una carriera vescovile cominciata nel 1969 a Macerata e Tolentino e finita solo nel 1990, quando dopo aver consegnato le dimissioni che Giovanni Paolo II accettò, decise di vivere all’Opera Santa Teresa di Ravenna, dove poi è morto questa notte. Celebre fu la sua battaglia in difesa di Enzo Biagi, allorquando Berlusconi pronunciò l’oramai celeberrimo editto bulgaro indirizzato a Santoro, Luttazzi e appunto l’amico giornalista. Le parole furono dure, già da allora: “Lo hanno ucciso. È stato un ostracismo. Enzo Biagi dava fastidio, non era utile ed è stato cacciato. La Rai si è derubata c’era un tranello, una motivazione che non era degna. Ero suo amico e sono anche un uomo che conosce un po’ la realtà. Biagi non è stato solo un uomo della tv, ma anche una persona che ha combattuto per la giustizia e la libertà, un uomo di una schiettezza piena. Non si possono trattare gli uomini come pezzi da giocare”. Fermamente convinto dell’importanza del giornalismo, ma solo nella sua funzione profetica (“Se il giornalismo smette di averla è niente”) Tonini ha vissuto gli ultimi mesi senza rinunciare ad esprimere i propri pensieri, per quanto con un filo di voce e immobilizzato a letto. Il suo ruolo sociale si colloca presso gli ultimi, quelli vicino ai quali ha sempre scelto di rimanere, come quando nel 1975, da arcivescovo di Ravenna, decise di lasciare l’appartamento della diocesi per donarlo ad un gruppo di tossicodipendenti. Muore un uomo buono, uno spirito candido, una mente raffinata, un oratore di altri tempi che con molta semplicità era in grado di trasmettere valori ormai sopiti.

LEGGI ANCHE:

Desideri ricevere i nostri articoli tramite Email? ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Desideri inviarci una segnalazione? CONTATTACI

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Aggiungi un commento con il tuo profilo Facebook,Google+ o anonimo

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Navigando questo sito accetti l'uso di Cookies e altri sistemi funzionali all'analisi del traffico e al funzionamento del sito web, puoi negare il consenso tramite le impostazioni del tuo browser. LEGGI DI PIU'
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci tramite il nostro modulo di contatto diretto