Le mele polacche invadono l’Italia. Occhio alla buccia

mele polacche

Logiche di mercato delle Multinazionali – Italia invasa da mele polacche, mentre le nostre marciscono a terra. I dettagli

Oggi riteniamo utile condividere una notizia che ci racconta molto di come funziona il commercio dell’ortofrutta, di quali possano essere i suoi paradossi e, quindi, di come possiamo comportarci di conseguenza.

Abbiamo già parlato di mele e dell’annata finalmente “regolare” dopo le anomalie dei due anni precedenti, ma registriamo oggi questa stranezza: il nostro mercato è letteralmente invaso da mele polacche

Invaso, non stiamo scherzando: arrivano cospicue e a prezzi bassissimi. Per bassissimi intendiamo che costano all’ingrosso 45 centesimi contro i 65-75 delle mele italiane (prezzo peraltro già ottimo).

Cosa è successo? Da un lato abbiamo un prodotto bello a vedersi e conveniente. Le polacche sono tutte pressoché perfette esteriormente come richiedono le regole “di ingaggio” della grande distribuzione e il prezzo stracciato è dovuto alla grande quantità prodotta, vista l’ottima annata in Nord Europa, e ai costi di manodopera più bassi.

È dunque il prezzo inferiore, a fronte di una produzione nostrana soddisfacente, il fattore vincente delle mele polacche? Non soltanto.

Perché inoltre molte di quelle nostrane hanno sviluppato quella sorta di “ruggine” sulla buccia, che in realtà è dovuta a un’alta concentrazione zuccherina e a un’ottima maturazione. Questo è ritenuto esteticamente un difetto dai grandi distributori, anche se le rende decisamente più dolci e buone.

Leggi anche: Attenzione: oltre 12 pesticidi utilizzati nei meleti. La denuncia di Greenpeace

Succede dunque che i mediatori o i buyer dei supermercati comprano le polacche a meno, queste fanno bella mostra di sé, ma al consumatore costeranno come quelle italiane e, se non si farà attenzione a leggere le etichette sulle cassette esposte, magari si farà anche “finta” che siano nostrane. Non è una truffa ma non è un granché come servizio.

Il paradosso finale e totale, che è anche il consiglio di questa settimana, è che le mele nostrane “arrugginite” del mercato contadino a voi costeranno meno delle polacche lucide e brillanti.

Dobbiamo specificare quindi cosa scegliere, che cosa è più buono, conveniente e anche sostenibile? Sempre più spesso anche per la frutta l’abito non fa il monaco. Sarebbe come giudicare un libro o un disco dalla copertina, un uomo o una donna da come sono vestiti, oppure un politico dai suoi post estemporanei su Facebook, cose che, peraltro, accadono sempre più frequentemente: almeno alla frutta, proviamo a risparmiare questo triste trattamento.

Di Carlo Bogliotti
[email protected]
da La Stampa del 20 ottobre 2018

Tratto da: slowfood.it

Slow Food è una grande associazione internazionale no profit impegnata a ridare il giusto valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente ed ecosistemi, grazie ai saperi di cui sono custodi territori e tradizioni locali. Ogni giorno Slow Food lavora in 150 Paesi per promuovere un’alimentazione buona, pulita e giusta per tutti. CONTINUA A LEGGERE

Condividi su


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca quì
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci su [email protected]