Immigrazione. Ammiraglio Picchio: “Oscuro disegno in atto contro l’Italia”

ammiraglio-picchio immigrazione disegno contro l'italia

A rilasciare queste dichiarazioni non è una persona qualunque, ne tanto meno un giornalista, ma l’ Ammiraglio Picchio.”Immigrazione? Disegno in atto contro l’Italia”.

Sono anni che si evidenzia la totale indifferenza degli altri paesi dell’ Unione Europea sulla questione immigrazione, quel governo globale che ci impone austerity, e che nello stesso tempo ci lascia annegare…

La conferma più recente arriva dal neo presidente francese Macron con un NO secco ai migranti economici provenienti dall’ Italia, che si traduce sullo stop al passaggio di extracomunitari tra Ventimiglia e Mentone.

Tale indifferenza, associata allo “strano” comportamento delle Ong europee, (le quali veicolano quasi sempre tutti i migranti salvati in mare in Italia invece di portarli nei porti più vicini), destano il sospetto di un oscuro disegno contro il Bel Paese.

Sospetto che nasce anche tra le alte cariche delle forze armate. Un esempio è rappresentato dall’ Ammiraglio Picchio che in un’intervista al Messaggero ha spiegato come stanno davvero le cose.

A finire subito sotto accusa, sotto la “scure” dell’ ammiraglio sono le ONG, le quali fanno gli interessi non dei migranti, ma dei loro finanziatori, i quali hanno come intento la destabilizzazione dell’ Italia:

<<“Ci sono organizzazioni che con la scusa di essere non governative, si lasciano guidare da uno spirito anarchico. Potrebbero presentarsi davanti a un porto francese o spagnolo o perfino del Nord Europa. Sono navi che in teoria non hanno uno Stato di riferimento, ma chi le finanzia, e i finanziatori spesso non sono italiani. Chi vuol creare difficoltà all’Italia? Da un lato le Ong seguono proprie logiche, dall’altro sottostanno a interessi finalizzati a ostacolare il nostro Paese“>>

Spiega poi, riferendosi allo “strano” comportamento delle ONG:

<<“Se salvo gente in mare in teoria devo portarla nel porto più vicino, cioè in Tunisia o a Malta o nel porto verso cui sono diretto. Le Ong non possono sempre sbarcare negli stessi porti che neppure sono i più vicini. Altrimenti c’è un disegno. Non è un caso che le Ong sbarchino sempre da noi. Le nostre difficoltà fanno comodo a certi cari cugini“>>

Riferimento: Il Giornale

Immigrazione: libri

I libri relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Leggi anche:Cosa ne pensi di questo articolo? Esprimi il tuo voto da 1 a 5 cliccando sulle stelle e condividi il contenuto in modo che anche i tuoi amici possano leggere queste informazioni. Grazie!
Vota questo post


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: