Uscire dall’ euro è davvero un disastro? Se muore l’euro muore solo la Troika.Ecco cosa non dicono…VIDEO

Euro

I Tg che vanno in onda tutti i giorni sono sotto gli occhi di tutti. Ognuno di noi ha avuto modo di farsi un’idea su quanto sta accadendo o su cosa potrà accadere tra pochi giorni.

Non si fa altro che creare panico e allarmismo sulla possibile uscita della Grecia dall’ euro,  circolano notizie catastrofiche sulle ripercussioni, sulle sanzioni e quant’ altro. Ma vi siete domandati se è davvero così?
Se fallisce L’ EURO… Siamo sicuro che sarà un disastro?
Certamente ci sarebbero tantissimi grandi cambiamenti… Nulla sarebbe più come prima e ci sarebbero accordi nuovi.
Forse però, sarebbe il caso di non fare allarmismi e guardare in faccia alla realtà!

Non è vero che “se fallisce l’Euro fallisce l’Europa”. Non c’è affermazione più falsa ed irreale.E queste non sono parole campate in aria. Ad affermarlo è stata la Signora Merkel in persona. Dunque se dovesse morire questa moneta (tra l’altro già in fin di vita), non fallisce un continente virtuoso ma al massimo sparisce la vergognosa Commissione Europea. La quale è una fusione a regola d’arte tra  e grandi colossi che comandano in Europa: partendo dalla BCE (Banca Centrale Europea), l’ FMI (Fondo Monetario Internazionale). Be… che dire! Forse sarebbe anche la fine di una dittatura lunga più di 10 anni.

Fin qui la cronaca e anche oltre. Ma un po’ di sana memoria storica. A fine ottobre 2012 nessuno più ricorda che la Grecia chiuse i propri negoziati con l’allora troika. L’accordo sbloccò un pagamento da 31,5 miliardi di euro per evitare il default. Il premier era Samaras, «Abbiamo ottenuto significativi miglioramenti, anche all’ultimo minuto», aveva detto.

La Grecia si era aggiudicata un pacchetto per avere una certa autonomia per altri due anni, con un rientro dal deficit entro il 2016. Ma la finanza non è una scienza esatta. E Bruxelles non è un dogma. Al solo pensiero di perdere 50 miliardi di euro in titoli greci detenuti dalla Bce, i creditori non possono immaginare di perdere tutto. Meglio forse prenderli anche a babbo morto, ma non perdere di vista il debitore. Poi, con i tempi che corrono, con la Turchia che alza la bandiera dell’amicizia e Putin che non è nemico di Atene, sembra che la storia non cambi. Per il ministro tedesco Wolfgang Schäuble, l’importante è che la Grecia «attui le riforme necessarie ad assicurare l’integrità dell’euro».  Era l’autunno 2012. Nell’estate 2015 cambia l’ordine dei fattori ma il risultato non cambia.

GUARDA IL VIDEO

Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

Loading...

Forse, dopo tutto questo tempo passato a guardare e subire, è arrivato il momento di reagire e prendere le redini in mano! Non si può continuare in questo modo: con Tg che ci propinano notizie architettate a regola per farci spaventare, in modo da indurci a credere che le decisioni giuste sono quelle che si prendono in Parlamento. Non possiamo continuare a vivere i nostri giorni in una crisi provocata da decisioni altrui, la quale è ripagata e sanata solo dal popolo!

Fonti:
http://www.lindipendenzanuova.com/bruxelles-atene-nel-2012-la-stessa-sceneggiata-che-fermo-la-grexit/

http://altrarealta.blogspot.it/search?updated-min=2015-01-01T00:00:00%2B01:00&updated-max=2016-01-01T00:00:00%2B01:00&max-results=50

FONTE PRINCIPALE: http://www.affaripadani.info/2015/06/se-muore-leuro-muore-solo-la-troika.html

Loading...

: libri

I libri relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Condividi su


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca quì
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci su [email protected] LEGGI DI PIU'