Il mondo sta andando in bancarotta per una finzione chiamata debito

il mondo sta andando in bancarotta per una finzione chiamata debito pubblico

Il mondo intero sta andando in bancarotta a causa di una idea chiamata debito pubblico che neanche esiste nella realtà fisica, è solo parte di un piano…

A causa di Wall Street e del mercato azionario globale oggi ci sono almeno 700mila miliardi di dollari di titoli fraudolenti in sospeso conosciuti come “derivati”, pronti a collassare. un valore che ammonta a oltre dieci volte il prodotto interno lordo dell’ intero pianeta.

Nel frattempo abbiamo visto il salvataggio di banche ed aziende da parte dei governi, che per primi, paradossalmente, si fanno prestare i soldi dalle stesse banche che cercano di salvare….

Ora ci sono tentativi di salvataggio di nazioni intere da parte di conglomerati di altre nazioni attraverso banche internazionali. Ma ad andare in bancarotta è l’intero pianeta, e  come si salva un intero pianeta?

Al momento non esiste una nazione non saturata di debiti. La cascata di insolvenze sul debito che abbiamo visto non può che essere solo l’inizio se facciamo i conti con la matematica. E’ stato stimato che solo negli Stati Uniti la tassa sul reddito dovrebbe essere alzata al 65% a persona solo per pagare gli interessi del prossimo futuro.
Gli economisti prevedono che tra alcune decadi il 60% delle nazioni del pianeta saranno in bancarotta.

Il mondo intero sta andando in bancarotta a causa di questa idea chiamata debito pubblico che neanche esiste nella realtà fisica, è solo parte di un gioco che abbiamo inventato, e tuttavia il benessere di miliardi di persone è ora messo in pericolo.

Licenziamenti di massa, tendopoli, povertà in aumento, misure di austerità imposte, scuole che chiudono, fame infantile e alti livelli di deprivazione familiare, tutto a causa di questa complessa finzione.

La nostra economia globale ha tre cose basilari che la governano. Una è il sistema bancario a riserva frazionaria ovvero le banche che stampano soldi dal nulla. Si basa anche sull’interesse composto. Quando prendi dei soldi in prestito devi ripagarne di più di quanti ne hai presi. Il che significa, che in effetti si creano soldi dal nulla, il che deve essere gestito creando più moneta.

Viviamo in un paradigma di crescita infinita, il modello economico in cui viviamo ora è una ”truffa”. Niente cresce per sempre, non è possibile. Come scrisse il grande psicologo James Hillman, l’unica cosa che cresce nel corpo umano dopo una certa età è il cancro. Non è solo la quantità di denaro che deve continuare a crescere, è la quantità di consumatori a cui prestare soldi con gli interessi per generare più denaro. Ovviamente questo non è possibile sopra un pianeta finito. Le persone sono soltanto un mezzo per creare denaro. Denaro che dovrà generare altro denaro per impedire che il tutto cada a pezzi, che è quello che sta accadendo proprio ora.

Ci sono solo due cose che chiunque deve sapere davvero sull’ attuale sistema monetario.

1)Tutto il denaro viene creato dal debito. Il denaro è debito monetizzato, sia che sia creato da buoni del tesoro, mutui sulla casa o carte di credito. In altre parole se tutti i debiti esistenti dovessero essere ripagati in questo momento, non rimarrebbe denaro in circolazione.

2)Si applica l’interesse su tutti i prestiti fatti. E’ il denaro necessario a ripagare quegli interessi non esiste immediatamente nella moneta circolante. Solo il capitale viene creato dai prestiti, e il capitale costituisce la moneta circolante. Quindi se tutti questi debiti dovessero essere ripagati ora, non solo non ci sarebbe nessun soldo in circolazione, ma ci sarebbe un enorme quantità di denaro dovuto che è letteralmente impossibile da ripagare perchè, non esiste.

 

Debiti Pubblici, Crisi Economica e Decrescita Felice

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 15

Riferimento: https://www.youtube.com/watch?v=iffYg-lhV7k&feature=youtu.be

Debito: libri

I libri relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Cosa ne pensi di questo articolo? Esprimi il tuo voto da 1 a 5 cliccando sulle stelle e condividi il contenuto in modo che anche i tuoi amici possano leggere queste informazioni. Grazie!
Vota questo post


Condividi su


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

9 thoughts on “Marcello Foa: Ecco come entro 5 anni ci porteranno via tutto, casa e risparmi

  1. Appoggierei pienamente per l’uscita dall’Europa qualora l’Italia avesse una procedura d’infrazione per una questione di dignità nazionale.

  2. Per rimanere nell’euro , il governo tedesco deve necessariamente cambiare indirizzo politico nei confronti dei paesi membri. Le alleanze sonò sopratutto politiche e nel caso specifico un,unione che tenga sempre presente l’esigenze degli alleati. Partecipazione’ collaborazione ed infine la moneta unica. Un saluto

  3. Un Grande STATISTA e che quel DI PIETRO per la sua bramasia con. Accordi americani fece di tutto per eliminarlo.Sfruttando il momento si fece eleggere e,addirittura fondo’ un partito politico. Dovrebbe dirci ancora della mercedes e dei 100 milioni di lit. incassati all,epoca e quanti appartamenti sono in suo possesso e il figlio lo mise in Regione ma indagato ma la Procura nulla fece. CANI E CANI NON SI MANGIANO ed ha inguaiati noi ITALIANI con l,allontanamento di CRAXI perché purtroppo i P.M quando sbagliano non vanno in galera ma promossi vedi il P.M di TORTORA. Abbiamo una legge che dovrebbe far pagare i loro errori ma qualcuno di voi ha mai visto eseguire???

  4. tutto ciò che è esposto in questo blog rispecchia la pura verità , personalmente non solo la condivido ma la grido ai quattro venti ormai da troppo tempo , prima ancora che fosse costituita questa schifo di europa che altro no è che la dimostrazione di quella che è la missione del globalismo e del liberismo capitalista e cioè la riduzione in schiavitù dei popoli e la creazione di un’egemonia finanziaria a controllo del mondo intero . alla globalizzazione danno parecchio fastidio nazioni come Grecia ed Italia perchè la loro immensa cultura e storia che sta alla base della loro evoluzione le porta ad essere termini di paragone a livello di democrazia e scientifico e proprio a livello industriale e qualitativo dei beni prodotti ciò era la spina nel fianco di produzioni fatte dalle multinazionali che , proprio per definizione , non possono essere paragonate qualitativamente ; ecco perché si doveva a tutti i costi distruggere la produzione italiana e ciò é stato fatto anche con la collaborazione di governi servi venduti al capitale .

  5. Fu l’unico Statista di allora a non sbagliare che, il futuro dell’Italia nell’Unione Europea era l’inferno.
    L’Europa ci considera come noi consideriamo i Paesi del Nord Africa.

  6. Vorrei che il Governo italiano dica a chiare lettere che è la Francia che deve uscire dall’UE perché essa fa di tutto per farsi odiare da tutti gli altri stati europei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca quì
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci su [email protected] LEGGI DI PIU'