Tanzania: Ecco il Lago Natron ,il più velenoso al mondo,capace di pietrificare gli animali! VIDEO

lago natron tanzania

Al confine tra il Kenya e la Tanzania  è ubicato questo misterioso lago, il Natron, in grado di pietrificare gli animali a causa della composizione delle sue acque.

Il lago Natron, situato nella Tanzania settentrionale, nella Rift Valley africana, nasconde un terribile segreto: contiene carbonato idrato di sodio, conosciuto come natron, un composto naturale letale per moltissimi animali che rischiano di restare letteralmente pietrificati. Utilizzato in passato nell’operazione di imbalsamazione per via delle sue proprietà di assorbimento dell’acqua, il natron rende le acque del lago simili all’ammoniaca, con un PH compreso tra 9 e 10,5, mentre la temperatura dell’acqua può raggiungere i 60°C.

Risultati immagini per lago natron

Nessun animale può resistere a quest’ambiente caustico e gli uccelli e i pipistrelli che toccano le acque del lago, vengono pietrificati, intrappolati per sempre nella posizione assunta negli ultimi istanti di vita. Migliaia di batteri e cianobatteri si producono velocemente con un sistema molto simile alla fotosintesi clorofilliana e contengono un pigmento rosso, in grado di colorare l’intero lago, conferendo ad esso la tipica tonalità rosso scuro con striature bianche che attira l’attenzione di numerosi turisti e curiosi. Ma la bellezza del lago diventa mortale quando la stagione è troppo calda e asciutta: la salinità delle acque, infatti, aumenta a livelli incredibili ed il PH può bruciare le ossa. Questo luogo ha dato la possibilità al fotografo Nick Brandt di realizzare un servizio fotografico sulla grande quantità di animali mummificati, accentuando l’effetto gotico e affascinante di un luogo tanto macabro ed inquietante, quanto meraviglioso, con creature morte lungo il litorale, perfettamente calcificate.

Risultati immagini per lago natron

Risultati immagini per lago natron

 

 

Risultati immagini per lago natron

Risultati immagini per lago natron

Lo stesso fotografo racconta: “Non ho potuto fare a meno di fotografarli. Nessuno sa per certo esattamente come muoiono, ma sembra che la natura riflessiva estrema della superficie del lago li confonde e come gli uccelli si schiantano contro vetrate, loro precipitano nel lago”. Gli unici che riescono ad appoggiarsi sulle acque del Natron sono un gruppo, formato da 2,5 milioni di fenicotteri rosa che, grazie ad uno strato protettivo corneo su zampe e becco, nidificano nelle piccole isole che si trovano nel lago, nutrendosi dell’alga blu-verde formata dai cianobatteri. Un pesce che invece si è adattato perfettamente è la Alcolapia alcalica.

Risultati immagini per lago natron

Fonte: MeteoWeb

LEGGI ANCHE:

Desideri ricevere i nostri articoli tramite Email? ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Desideri inviarci una segnalazione? CONTATTACI

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Aggiungi un commento con il tuo profilo Facebook,Google+ o anonimo

Loading Facebook Comments ...

2 thoughts on “Tanzania: Ecco il Lago Natron ,il più velenoso al mondo,capace di pietrificare gli animali! VIDEO

  1. Pingback: Tanzania: Ecco il Lago Natron , il più velenoso al mondo, capace di pietrificare gli animali! | Apri la Mente

  2. Pingback: Tanzania: Ecco il Lago Natron ,il più velenoso al mondo,capace di pietrificare gli animali! VIDEO |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Navigando questo sito accetti l'uso di Cookies e altri sistemi funzionali all'analisi del traffico e al funzionamento del sito web, puoi negare il consenso tramite le impostazioni del tuo browser. LEGGI DI PIU'
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci tramite il nostro modulo di contatto diretto