I cani percepiscono il dolore delle persone. Lo afferma uno studio

i cani avvertono il dolore delle persone

Per il tuo cane sei sempre un”libro aperto” a cui non puoi nascondere nulla.Sa sempre come stai “dentro”.Perchè i cani percepiscono il dolore delle persone?

Ci sono persone che, oltre ad affermare che i cani ci amano, sostengono che questi sentano il dolore umano in generale mentre, secondo altre, sono in grado di sentire solo le sensazioni del padrone dato il legame empatico ed emotivo che li lega.

Indipendentemente da questo, i cani sono animali sociali che capiscono chi hanno al proprio fianco. Se hai un cane, forse ti sarà capitato che abbia cercato di consolarti se eri triste, proprio perché percepiva il tuo dolore.

Una ricerca pubblicata sulla rivista ‘Animal Cognition’, condotta dall’University of London Goldsmiths College, ha dimostrato, se ancora ce ne fosse bisogno, che i cani riescono a entrare in empatia con gli esseri umani più di ogni altra specie, fornendo le prove scientifiche per sostenere tale affermazione.

In un esperimento condotto dall’università, i cani si sono avvicinati a persone che sembravano che provavano emozioni negative più spesso di quelle che erano felici. “Penso che ci siano buone ragioni per sospettare che i cani sarebbero più sensibili alle emozioni umane rispetto ad altre specie”, ha detto l’autrice Deborah Custance al Press Trust of India.

Lo studio

Nello studio i medici della Goldsmiths University hanno utilizzato un set sperimentale che è stato utilizzato per studiare l’empatia nei neonati umani. Secondo il Daily Mail, un gruppo eterogeneo di 18 cani era esposto individualmente a tre diversi scenari: due persone che parlavano, una persona che “canticchiava in modo strano” per incitare la curiosità del cane e una persona che piangeva o faceva finta di piangere. Gli esperimenti furono condotti sia con il proprietario del cane sia con un estraneo. Significativamente più cani si avvicinarono all’individuo in difficoltà e mostrarono tendenze sottomesse.

Sorprendentemente, i cani si avvicinarono agli estranei tutte le volte che i loro proprietari, indicando che la loro risposta empatica non discrimina tra persone familiari e non familiari. Gli autori dello studio suggeriscono che la risposta empatica potrebbe essere stata allevata nei cani dopo migliaia di anni di vita in prossimità degli umani.

“Il fatto che i cani abbiano differenziato piangendo e canticchiando indica che la loro risposta al pianto non è stata guidata solo dalla curiosità. Piuttosto, il pianto portava un significato emotivo più grande per i cani e provocava una risposta generale più forte rispetto a canticchiare o parlare “, ha detto il Dr. Custance al Daily Mail.

“Se gli approcci del cane durante la condizione di pianto fossero motivati ​​da una ricerca di benessere auto-orientata, sarebbero più propensi ad avvicinarsi alla loro consueta fonte di conforto, il loro proprietario, piuttosto che lo sconosciuto”, Jennifer Mayer, coautrice dello studio, ha detto in un comunicato stampa di Goldsmiths College. “Nessuna preferenza simile è stata trovata. I cani si avvicinarono a chiunque stesse piangendo indipendentemente dalla loro identità. Così stavano rispondendo alle emozioni della persona, non ai propri bisogni, il che è indicativo di un comportamento di offerta di comodità empatico “.

Conclusioni

I ricercatori sostengono che i cani siano ipersensibili alle emozioni umane e capaci realmente di avvertire quando i padroni sono angosciati per star loro vicino.

leggi anche:  I cani percepiscono le cattive persone prima dell’ essere umano.

“Dai nostri test effettuati con esemplari di diverse razze ed età – ha spiegato Deborah Custance – emerge che i cani hanno una marcata tendenza a registrare la tristezza nei padroni e a  offrire per istinto conforto e vicinanza.

In pratica si preoccupano per le persone attraverso una corrispondenza empatica che gli permette di avvertire le sensazioni provate dal padrone e a reagire di conseguenza. I risultati dimostrano inoltre che i essi sono molto attenti a comprendere le emozioni dei padroni. Ad esempio, reagiscono subito quando avvertono il pianto e il dolore di una persona.”

Riferimenti:

Condividi su


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca quì
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci su [email protected]