A causa dei cambiamenti climatici a breve non avremo cibo.Ecco perchè

cambiamenti climatici cibo

Se i cambiamenti climatici continueranno allo stesso ritmo, è prevista una riduzione della produzione vegetale mondiale.Ecco perchè

Le conseguenze del riscaldamento globale sono molte, sia per la natura che per tutti gli esseri che abitano il pianeta. Se i cambiamenti climatici continueranno al ritmo previsto dagli esperti, il peggio accadrà: resteremo senza cibo .

I cambiamenti ambientali, tra cui i cambiamenti climatici, l’inquinamento atmosferico, la scarsità di acqua e la salinizzazione, minacciano la produzione agricola e la salute a livello mondiale. Secondo diverse ricerche, esistono prove del fatto che i cambiamenti ambientali ridurranno i raccolti delle colture di base , ma l’impatto su verdure e legumi, componenti importanti di diete sane, rimane in gran parte sconosciuto.

Leggi anche: Clima: tutto quello che non ci dicono sui cambiamenti in atto

Una ricerca sviluppata dall’Università dell’Arizona e pubblicata lo scorso giugno nel portale specializzato PNAS mostra risultati deludenti .

Gli esperti hanno recensito le prove disponibili, vale a dire, studi sperimentali tra il 1975 e il 2016 sull’ impatto dei cambiamenti ambientali dei rendimenti e la qualità nutrizionale delle verdure .

Per questo studio hanno preso in considerazione fattori quali: gli effetti della temperatura ambientale, le concentrazioni di anidride carbonica (CO2) troposferica e ozono (O3), la disponibilità di acqua e la qualità nutrizionale di verdure e legumi.

Hanno scoperto che il cambiamento ambientale avrebbe un impatto negativo sulle rese degli ortaggi se non ci fossero risposte adeguate per il settore agricolo .

Leggi anche: Clima impazzito? ”No,è guerra climatica ”. Parla il generale Fabio Mini

Conclusioni e aspettative

Se lo stesso scenario continua, i cambiamenti previsti nelle esposizioni ambientali porterebbero a riduzioni della resa di verdure e legumi .

Quando le possibilità di adattamento sono limitate, questo può sostanzialmente modificare la loro disponibilità , accessibilità e consumo a medio e lungo termine.

I risultati sottolineano l’importanza di dare priorità agli sviluppi agricoli, riducendo al minimo le possibili riduzioni delle rese di legumi e legumi e gli effetti negativi associati alla salute.

Allo stesso modo, gli esperti sottolineano che una migliore comprensione della scala degli impatti ambientali nella produzione agricola è essenziale per lo sviluppo di strategie efficaci per proteggere la salute della popolazione mondiale .

Leggi anche: Haarp: le foto satellitari Nasa che dimostrano la manipolazione climatica

La Fine Del Cibo
€ 28

 

Agricoltura e Cambiamento Climatico
€ 7

Tradotto da: La Bio Guia

Condividi su


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca quì
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci su [email protected]