Paolo Barnard:”La Germania ha salvato le banche tedesche con i soldi dei contribuenti italiani”.VIDEO SHOCK

paolo barnard germania ha salvato banche tedesche con soldi italiani

E’ un fiume in piena l’economista Paolo Barnard alla trasmissione “La Gabbia” del 29 giugno scorso.”La Germania ha salvato le sue banche con i soldi dei contribuenti italiani”.

In meno di 5 minuti, l’economista Paolo Barnard spiega spiega il progetto europeo: “questo mostro che si chiama Unione Germanica”, dove i tedeschi possono gestire i soldi di tutti, mentre gli italiani devono chiedere se e come possono spendere i propri soldi.

E’ proprio questo ciò che vuole far intendere Paolo Barnard, in riferimento al recente incontro tra il nostro Premier Renzi e la cancelliera Angela Merkel, dove il capo di governo si è dato al “bacio della pantofola” e alla supplica.

Caro Renzi, lei è stato dalla Merkel a chiedere un mini salvataggio con i soldi pubblici delle banche italiane e nessuno le ha detto che la Germania ha salvato le banche tedesche per 704 miliardi di € con i soldi pubblici dei contribuenti europei ed italiani. Non gli poteva dire questo in faccia alla Merkel?

Poi continua:
i tedeschi sono un popolo di bari e di falsari che, sotto il trucco contabile dell’ Euro, si sono intascati 1800 miliardi di €, mentre noi siamo andati in rosso di 1200miliardi incluso la Francia, e oggi si strappano i capelli per degli spiccioli che devono dare per salvare la Grecia

Infine si rivolge agli italiani :
voglio dirvi delle cose che nessuno vi ha mai detto su questo mostro che si chiama Unione Germanica“.
Questo ed altro nel video seguente da non perdere
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

Barnard: libri

I libri relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Leggi anche:Cosa ne pensi di questo articolo? Esprimi il tuo voto da 1 a 5 cliccando sulle stelle e condividi il contenuto in modo che anche i tuoi amici possano leggere queste informazioni. Grazie!
Vota questo post


Condividi su


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...