Gli scienziati confermano: andare a lavorare prima delle 10 è una tortura per il nostro organismo

Secondo il dott. Paul Kelley, un ricercatore di punta dell’Università di Oxford, il fatto di svegliarsi e andare a lavorare prima delle 10 di mattina è una delle forme più comuni di tortura.andare a lavorare prima delle 10

Il ritmo circadiano, o l’orologio biologico interno, rappresenta i timer biologici che determinano il modo in cui funziona il nostro corpo, e questo ciclo geneticamente pre-programmato regola la nostra percezione del tempo, della funzione cerebrale, dei livelli energetici e della produzione di ormoni.

Pertanto, svegliarlo presto e lavorare prima delle 10 tortura il nostro corpo e influisce negativamente sull’equilibrio naturale del corpo.

Kelley spiega:

“Non possiamo cambiare i nostri ritmi di 24 ore. Non puoi imparare ad alzarti in un dato momento … il tuo fegato e il tuo cuore hanno schemi diversi e stai chiedendo loro di spostarsi di due o tre ore. “

All’inizio del XX secolo, quando fu introdotta la giornata lavorativa di 8 ore, insieme alla produttività in fabbrica 24/7, nessuno considerò il naturale orologio biologico.

Di conseguenza, il Dr. Paul Kelley afferma:

Loading...

“È estremamente dannoso per i sistemi del corpo perché stai influenzando i sistemi fisici, emotivi e prestazionali nel corpo”.

Aggiunge:

“Il personale dovrebbe iniziare alle 10 del mattino. Non si torna al punto di partenza (le 9 di mattina) per un periodo di 55 anni. Di solito il personale è privato del sonno. Abbiamo una società privata del sonno. Questa è una questione internazionale. Tutti stanno soffrendo e non devono. “

Secondo The Telegraph,

“Solo una settimana con meno di sei ore di sonno ogni notte porta a 711 cambiamenti nel modo in cui i geni funzionano”.

Loading...

Crede che gli effetti del lavoro saranno drasticamente migliorati se apportassimo semplici cambiamenti nel tempo in cui iniziamo e finiamo il lavoro.

Secondo Live Love Fruit:

“Dr. Kelley e altri neuroscienziati hanno sottolineato l’importanza di comprendere la funzionalità del corpo a diverse età, specialmente quando si tratta di cicli del sonno.

Dicono che la privazione del sonno inizia nell’adolescenza perché gli adolescenti sono biologicamente predisposti per andare a dormire intorno a mezzanotte. A loro volta, non sono veramente svegli fino alle 10 di mattina. E poiché l’orario scolastico segue anche il rigoroso orario mattutino, gli adolescenti perdono in media 10 ore di sonno a settimana.

Questo, combinato con il fatto che gli adolescenti tendono a rimanere svegli più a lungo durante la notte nei fine settimana, hanno difficoltà a riadattarsi costantemente al ciclo di sonno precoce, a inizio-alto che è strutturato per un periodo di 55 anni. vecchio.”

Una scuola britannica ha testato la teoria di Dr.Kelley secondo la quale le scuole dovrebbero iniziare dalle 8.30 alle 10.00 e, dopo un po ‘di tempo, i voti degli studenti sono aumentati significativamente, così come la loro frequenza e produttività generale.

Pertanto, se decidiamo di incorporare tali cambiamenti in tutti i settori della società moderna, la gente diventerà senza dubbio più produttiva, più felice, più sana, piena di energia e gioia, invece di essere affaticata, stressata e dipendente dal caffè.

Fonte: healthyfoodhouse.com

Lavorare: libri

I libri relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Condividi su


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca quì
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci su [email protected] LEGGI DI PIU'