Italia?No grazie.Sempre più albanesi (e italiani) ritornano in Albania


albania rivincita

All’inizio degli anni 90 quegli albanesi che riempirono l’Italia (guarda caso a causa della dittatura comunista a cui erano sottoposti)ora tornano in Albania,un paese in crescita (guarda caso fuori dall’UE) dove c’è lavoro per giovani in cerca di futuro.Molti anche gli italiani e le imprese italiane che vi emigrano.Da ospitanti ad ospiti,la loro rivincita,la nostra caduta…

Il mare è agitato, e si infrange violento contro lo scafo della nave. Lì in alto nel cielo luccicano le stelle e un vento gelido spira da est, ma il cuore batte forte e riscalda il corpo: a poche miglia c’è il porto di Brindisi, la terra promessa, la libertà. Era il 1991, l’Italia scopriva per la prima volta l’immigrazione di massa.

Migliaia di albanesi fuggivano dalla miseria e dagli ultimi strascichi della dittatura comunista – quella di Enver Hoxha, durata quasi mezzo secolo, fu una delle più feroci e isolazioniste della storia – attraversando il mare con mercantili e imbarcazioni di ogni tipo in direzione delle coste pugliesi.

Oggi l’Albania è un paese giovane e in via di sviluppo, con un’economia emergente e ambizioni europee – sono in corso i negoziati per l’annessione all’UE – retto dal premier socialista ed ex sindaco di Tirana, Edi Rama. Una seconda generazione di albanesi ha seguito le orme dei genitori, raggiungendo l’Italia a bordo di aerei e traghetti, per iscriversi alle nostre università: a Bologna, Roma, Firenze e Milano.

Finiti gli studi, molti di loro ritornano a casa, sia perché la crisi economica in Italia preclude opportunità occupazionali, sia perché in Albania è più facile investire: per avviare una startup, infatti, basta un giorno solo e la burocrazia è ridotta all’osso.

In Italia vivono più di mezzo milione di albanesi, quest’anno sono ritornati in Albania circa in 46mila” afferma soddisfatto Erion Veliaj, ministro del Benessere sociale e gioventù albanese. Il giovane politico del governo socialista, in un ottimo italiano, tiene a precisare che: “È il primo anno che succede una cosa del genere. Prima noi albanesi eravamo costretti a partire, ora il trend si sta invertendo. L’economia qui è in crescita e abbiamo bisogno di abilità speciali: solo quest’anno abbiamo creato più di 81mila posti di lavoro, il mio partito ha abbassato la disoccupazione dal 20 al 17%”.

Io all’Italia devo tantissimo, mi ha fatto crescere sia umanamente che professionalmente”. A pronunciare queste parole è Muharrem Çobo, uno dei tanti albanesi tornati in patria e oggi imprenditore e vinicoltore di successo, in società con il fratello. Se in Albania nominate Çobo dite vino, lo conoscono tutti e il suo prodotto è considerato il “Ferrari italiano”.

Muharrem, nipote di un piccolo vinicoltore, arriva in Italia nel ’91 su di un mercantile, armato di una valigia piena di speranza e tanta buona volontà. Sbarca a Brindisi e, in seguito agli smistamenti del governo italiano, viene spedito a Trento, dove si iscrive all’università. Per pagarsi gli studi, di notte lavora come cameriere e riesce a laurearsi in giurisprudenza. Poi, come spesso accade, un incontro gli cambia la vita:

Ho conosciuto Danilo Chini, un enologo che diventerà per me come un fratello – racconta Muharrem, mentre ci versa una bottiglia della sua riserva speciale – Danilo ci ha dato una grossa mano ad avviare la produzione, abbiamo scelto di coltivare uve autoctone, così abbiamo comprato i terreni a Berat e abbiamo ripreso le tradizioni dei miei nonni produttori di vino”. Oggi la cantina Çobo produce 80mila bottiglie ogni anno, è un’eccellenza dell’enogastronomia albanese, proiettata verso i mercati esteri e sarà presente nel padiglione albanese di Expo 2015 a Milano.

Negli ultimi anni, a scegliere il paese delle aquile, sono stati anche tantissimi italiani: secondo i dati del governo albanese i nostri connazionali sono più di 20mila“Perché gli italiani vengono in Albania?” chiede serafico il ministro Veliaj. Semplice: Le tasse sono basse, è facile fare business e gli albanesi parlano perfettamente italiano”. In effetti basta passeggiare in piazza Skanderbeg, nel cuore di Tirana, o tra i tanti bunker militari costruiti da Hoxha nel nord di Scutari, ai confini del Montenegro, per sentire parlare con nonchalance l’italiano e vedere le numerose aziende del belpaese. Secondo un report dell’ambasciata italiana, le imprese nostrane operanti in Albania sono più di 350: dal marchio Conad alla Scavolini, passando per banche come Intesa San Paolo e Veneto Banca.

 In realtà, il motivo principale che spinge le imprese italiane a spostarsi in Albania è meramente economico:Il regime fiscale è generalmente piuttosto favorevole, perché c’è una tassa per gli utili di impresa del 15%, quindi relativamente bassa” ammette candidamente Massimo Gaiani, ambasciatore italiano a Tirana. “Recentemente, il governo albanese ha approvato delle agevolazioni per chi assume della manodopera e crea nuove attività”.

Fonte : http://www.fainotizia.it/inchiesta/04-02-2015/la-rivincita-dell-albania-dai-barconi-della-speranza-al-sogno-europeo

Condividi su

Seguici sui social


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...
DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca quì
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci su [email protected]