AirPod: L’auto ad aria compressa della Tata Motors. I VIDEO

tata airpod auto ad aria compressa della tata motors

Qualche anno fa, ci fu una raffica di interesse per le auto ad aria compressa ma si è “sgonfiato” rapidamente.Scomode per le lobby del petrolio?

Il primo progetto di auto ad aria compressa è stato presentato il 27 e 28 giugno 2014 a Cagliari, in occasione dell’evento SINNOVA, il Salone dell’innovazione al servizio dell’impresa. A presentarlo l’azienda lussemburghese Motor Development International (MDI) MDI in collaborazione con la Tata Motors. Di seguito vi mostriamo il video della presentazione.

Il progetto è stato citato anche nella trasmissione “La Gabbia” su La7 il 30/09/2015

Una macchina che funziona ad aria compressa possiede ovvi benefici ambientali, incluse le emissioni a zero dal tubo di scappamento.

La AirPod è un piccolo veicolo, anche se se in grado di ospitare tre adulti e un bambino.

La velocità massima è stimata in poco meno di 50 mph (80 km), ed i serbatoi di bordo possono immagazzinare aria compressa sufficiente per 124 miglia di autonomia (199 km).

Loading...

Il riempimento dei serbatoi richiederà speciali stazioni d’aria compressa, creando un problema di infrastrutture che i sostenitori delle auto a celle, a combustibile, ad idrogeno e di quelle elettriche a batteria ormai conoscono abbastanza bene.

MDI precedentemente ha concesso in licenza la sua tecnologia ad aria compressa alla società svizzera Catecar, che alla fine ha rinunciato ed ha tentato di sviluppare una macchina elettrica.

Allora ecco che entra in scena Tata Motors nel 2012, effettuando il test di tali vetture ad aria ed aderendo successivamente al progetto, ma apparentemente da allora ha fatto poco altro.

La comunità mondiale è da anni in attesa della commercializzazione di questo veicolo ad aria compressa. Da allora si sono susseguite le presentazioni e le date di lancio commerciale, queste ultime purtroppo sempre rimandate.

Si saranno mosse le lobby del petrolio per fermare il tutto?

Riferimenti:

http://www.electricmotornews.com/veicoli-ecologici/automobili/tata/lancio-della-tata-airpod-ad-aria-compressa-nel-2015

Loading...

http://www.autoariacompressa.com/

Condividi su


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

5 thoughts on “George Soros aveva avvertito: Facebook e Google saranno distrutti

  1. E terribile, ma molto probabile. Saranno le persone a chiederlo. Già ora le persone chiedono “più” sicurezza, a risposta di campagne terroristiche di un populismo rampante. Nei comuni attorno a me (Toscana) i sindaci si vantano dell’installazione di centinaia di videocamere, ed esortano i cittadini a diventare delatori di infrazioni,commesse da altri cittadini, piccole cose, spazzatura, parcheggi, ecc. Non rendendosi conto che tutto questo ha un costo economico e sociale. Il mondo si fa sempre più piccolo e chiuso, la differenza che in natura rappresenta un’opportunità. I nostri “politici” ci esortano a regolare, a controllare le “differenze” creando un sistema chiuso, dove ogni differenza o diversità, viene vista come minaccia. Ma il controllo della differenza della diversità, nella nostra società occidentale sarà la nostra fine. Chiuderemo sempre più le porte ai nostri sogni, al nostro bisogno di esplorare, conoscere, interagendo con la nostra empatia. Siamo solo il 20% dell’umanità sul pianeta e stiamo chiudendo le nostre vite, in un microcosmo piatto, sicuro e annoiato. La vita quella vera, la viviamo in rete, alla tv, nelle sale cinematografiche. Esorterei tutti a rileggere il libro di George Orwell 1984, sembrerebbe il manuale a cui si ispirano i governanti e i loro burocrati. Oggi non sono più “opinioni”, dove ognuno ha la sua. La tecnologia per meraviglioso motore dell’intelligenza umana, usata da burocrati e rampanti politici, può sortire l’effetto contrario, invece di offrire più opportunità all’uomo, per renderlo più libero. Innescherà una nuova barbarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. LEGGI DI PIU'
COOKIE POLICY
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca quì
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Privacy Policy
CONTATTACI
Desideri inviarci una segnalazione? Contattaci su [email protected] LEGGI DI PIU'