Fukushima: il disastro ambientale di cui nessuno sta parlando.

fukushima disastro ambientale

Molti pesci stanno morendo.Sono stati  sottoposti a dei test e hanno dimostrato quantità estremamente elevate di radioattività.E’ disastro ambientale

di La mia parte intollerante

Nel 2011, un terremoto di magnitudo 9.0 ha colpito al largo della costa del Giappone, innescando un devastante tsunami, che ha lasciato parti del paese allo sfascio. I Rapporti ufficiali affermano che 15,891 persone hanno perso la vita, 6.152 sono state ferite e 2.584 sono disperse.

Il Giappone è una nazione piena di reattori nucleari che producono quasi il 30% dell’energia elettrica nazionale. La maggior parte dei reattori si trovano vicino alla costa, una delle zone sismiche più attive del pianeta.

Il devastante tsunami ha causato la completa devastazione su tre dei sei reattori nucleari presso l’impianto di Fukushima Daiichi.

I reattori distrutti hanno causato lo sversamento di centinaia di tonnellate di rifiuti radioattivi nell’Oceano Pacifico, ogni singolo giorno degli ultimi cinque anni, e i risultati sono evidenti. Il cesio radioattivo contamina rapidamente l’ecosistema e avvelena l’intera catena alimentare.

Il cesio insieme ad altri rifiuti radioattivi sono bioaccumulabili, nel senso che si accumulano in un organismo a un ritmo più veloce rispetto al tempo che impiega l’organismo per eliminarli. Il governo giapponese e la TEPCO (Tokyo Electric Power Company) hanno, naturalmente, mentito circa la quantità di scorie radioattive che è stata versata nel Pacifico.

La Tepco ha ammesso che tra “i 20.000 e i 40.000 miliardi becquerel (simbolo Bq è l’unità di misura del Sistema internazionale dell’attività di un radionuclide, spesso chiamata in modo non corretto radioattività) di trizio radioattivo potrebbero essere trapelati in mare dopo il disastro.” Dal momento che è stato dimostrato più e più volte, che la TEPCO ha ripetutamente mentito e coperto la reale portata del disastro, il numero è probabilmente molto maggiore.

Naohiro Masuda, il capo disattivazione della Fukushima Daiichi Decommissioning Company, ha anche dichiarato che non esiste ancora la tecnologia giusta per rimuovere i detriti altamente radioattivi dai reattori danneggiati. È stato sostenuto che lo smantellamento della centrale entro il 2051 non può essere possibile senza enormi salti in avanti del  progresso tecnologico. È stato inoltre stimato che la ricaduta di plutonio è 70.000 volte superiore a Hiroshima. Avete mai sentito parlare di tutto questo dai media?.

Fonti ufficiali hanno dichiarato più volte che non vi è alcun pericolo per le radiazioni, ma l’ambiente potrebbe dissentire. La vita nel mare lungo tutta la costa occidentale degli Stati Uniti sta morendo e in numero allarmante,  molti pesci e creature marine sottoposte a dei test a largo della costa occidentale hanno dimostrato quantità estremamente elevate di radioattività, gli importi riscontrati superano i limiti di sicurezza.

Nel 2013, fu proprio l’Huffington Post il primo a riferire di una moria massiccia di krill lungo la costa occidentale su un tratto di 250 miglia dall’Oregon alla California. Il Krill è una parte essenziale della catena alimentare degli oceani. Quando la vita marina partendo dal basso della catena alimentare inizia a morire, gli animali più grandi che si nutrono di questi iniziano a morire di fame.

Enormi quantità di stelle marine sono apparse lungo la costa occidentale. USA Today ha riferito questo evento ma naturalmente sostengono che non si sa perché. Potrebbe avere qualcosa a che fare con il fatto che il Pacifico è diventata un deposito di scorie nucleari tossici?

Il 98% del fondale marino del Pacifico è morto. Ma, naturalmente, il riscaldamento globale prende la colpa per impostazione predefinita.

 

Ken Buesseler, dell’Oceanographic Institution Woods Hole ha affermato:

“La mia più grande preoccupazione è quello che sta succedendo oggi in Giappone, e sull’impatto che potrebbe avere sulla nostra costa. Sappiamo che c’è ancora perdita di radioattività perché stiamo misurando i livelli sempre più alti al largo del Giappone. La domanda di fondo è ‘Quanto radioattività è stata rilasciata a Fukushima?’ Ma non potremmo mai essere in grado di quantificare a causa della mancanza di campionamenti, in particolare nel mare “.

 

Un esperto marinaio, Ivan Macfadyen, che ha navigato il Pacifico partecipando a delle gare, ha dichiarato in un’intervista che:

“E ‘morto … per migliaia di miglia non c’era niente [tra gli Stati Uniti e il Giappone] io con la mia vela in un mare morto …  tutti andati. Basta, parlarne mi fa sentire male, ho voglia di piangere. Non ho visto uccelli, pesci, squali, nessun delfino, nessuna tartaruga, niente”.

In verità, nessuno sa come contenere le fughe radioattive, l’unica cosa che possono fare il Governo giapponese e TEPCO è mentire e minimizzare i pericoli reali.

La Mia Parte Intollerante

Desideri essere avvisato ogni volta che pubblicheremo un articolo? Attiva il servizio notifiche
LEGGI ANCHE:

Desideri ricevere i nostri articoli tramite Email? ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Desideri inviarci una segnalazione? CONTATTACI

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
loading...
POST CORRELATI:

Aggiungi un commento con il tuo profilo Facebook,Google+ o anonimo

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.